Quotidiano | Categorie: Sanità, Servizi ai cittadini, Salute

L'Ulls 4 organizza corsi per una corretta alimentazione

Di Redazione VicenzaPiù | Lunedi 18 Febbraio 2013 alle 15:40 | 0 commenti

ArticleImage

Ulls 4 Alto Vicentino - Salvaguardare la salute e la prevenzione delle malattie, con i cittadini parte attiva del processo e responsabili del proprio benessere psicofisico. Parte in questi giorni, infatti, il nuovo corso per un corretto comportamento alimentare e un'adeguata attività fisica, con l'obiettivo di promuovere nelle persone una maggiore consapevolezza e motivazione nel perseguire un buono stato di salute e un corretto stile di vita.

L'iniziativa, realizzata anche quest'anno in collaborazione con due associazioni del territorio, Lo Specchio di Thiene e Obiettivo Benessere di Schio, nasce dal costante impegno dei tecnici del SIAN (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell'Ulss 4 Alto Vicentino) che da oltre dieci anni hanno individuato un percorso comune da realizzare in collaborazione con le due associazioni. 
"La collaborazione del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione con le associazioni - spiega Saverio Chilese, Responsabile dell'Unità Operativa Nutrizione dell'Ulss 4 - è iniziata nel 2000, si è poi strutturata con una prima convenzione nel 2003 e ora viene rinnovata con la nuova bozza di convenzione in cui si sottolinea sia l'importanza dell'adeguata attività fisica che del corretto comportamento alimentare".
Il corso, che inizierà martedì 19 febbraio alle 20.30 presso la sala riunioni dell'ex Ospedale Boldrini di Thiene, consta di 16 incontri e durante la prima serata sarà ancora possibile effettuare l'iscrizione al costo di 120 euro tutto compreso. Le date previste sono: 19-20-21-26-28 febbraio; 5-8-12-19-26 marzo; 2-9-16-23-30 aprile; 7 maggio. Conduttrici del corso saranno le signore Lidia Slaviero e Rita Carollo. Tra i docenti ci saranno il Dr. Edoardo Chiesa, Responsabile del Servizio Igiene, Alimenti e Nutrizione dell'Ulss 4 Alto Vicentino, la dietista dell'Ulss 4 Manuela Meneghello e la psicologa Vanda Meloni. Una serata sarà dedicata alla cucina con degustazione dei piatti, preparati dall'operatore tecnico cuoco dell'Ulss 4, Franco Zampieri. L'ultima serata del corso sarà dedicata al tema dell'alcool e dei rischi connessi al suo abuso.
"Mediamente ai corsi, due all'anno, uno in inverno e l'altro in settembre, partecipano con grande soddisfazione una quarantina di persone di ogni età - afferma la Presidente de Lo Specchio, Alice Pietrobelli - non occorre portarsi nulla da casa, tutto il materiale verrà fornito sul posto. La forza del gruppo è l'elemento che fa funzionare tutto nel modo migliore". L'Ulss 4 mette a disposizione gratuitamente i locali adeguati all'attività. Le associazioni, dal canto loro, si obbligano a stipulare polizza di assicurazione per rischi diversi e a sostenere i costi del materiale per le attività. Al temine del corso verrà consegnato ai partecipanti un questionario anonimo per conoscere il gradimento degli argomenti, dei contenuti e dei materiali, nonché il grado di soddisfazione nei confronti dello stile di vita e delle abitudini alimentari, con un giudizio personale sulla stabilità temporale dei comportamenti.
Per informazioni: Segreteria del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Ulss 4 Alto Vicentino, via Rasa 9 - Thiene, Tel. 0445-389190 (Sig.ra Lorena Terrin) oppure 0445-389177 (Sig.ra Annalisa Cinerani). Associazione Lo Specchio Thiene Tel. 0445-386037 (Sig.ra Alice Pietrobelli) oppure 347-8519599 (Sig.ra Luigina Zanandrea).

Leggi tutti gli articoli su: Corsi, alimentazione, Ulls 4 alto vicentino
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

ieri alle 15:27 da claudiofiori
In Luca Zaia aderisce alla campagna per la lotta alla SLA
Ottimo gesto "mediatico" del Governatore Zaia. Peccato però che resti solamente un?esposizione mediatica che NON aggiunge nulla agli scarsissimi fondi per la ricerca, e mi riferisco a tutte le patologie delle quali a oggi, le persone ammalate, sono ritenute "rare" se non inesistenti. Un Politico per di più Governatore della Regione, oltre a questi gesti estivi, deve impegnarsi per far si che l'articolo 32 della nostra costituzione sia rispettato, deve impegnarsi per evitare che tutte le persone sofferenti a causa di una patologia non siano derise ma curate, deve dare sostanza e seguito ad ogni paragrafo del P.S.S.R.2013\2016. Queste cose si possono fare, con un po? di buona volontà, visto che, come riferito dal Governatore Zaia in conferenza, i Conti Consuntivi Economici delle A.S.L.Venete hanno chiuso l?esercizio 2013 con un utile (pardon attivo) di 41.467.101.?. Ha poi aggiunto l?Assessore Coletto che il 2013 è per il Veneto il QUARTO anno consecutivo di esercizi positivi???. Ricordo al Governatore Zaia agli Assessori Coletto e Mantoan che in data 04\07\2014 ho spedito una mail (da loro ricevuta e letta, e pubblicata dalla vostra testata il 19\07) nella quale facevo presente che dopo oltre 400 giorni dall?approvazione all?unanimità della Legge, che riconosceva l?M.C.S. come patologia rara e con la quale dovevano essere attuati anche 5 paragrafi a essa collegata, nulla oltre il mero ?riconoscimento? è stato fatto. Oltretutto la lettera era controfirmata da 28 persone sofferenti di tale patologia abitanti in 5 province Venete che mi avevano delegato, e NESSUNO dei destinatari si è degnato di fornire a queste persone un minimo cenno di riscontro. Nessuno cerca la malattia, questa può colpire chiunque a qualsiasi età, una persona ammalata di qualsiasi patologia, proprio a causa del suo stato di salute ha bisogno di tutele ed aiuto. Credo che Il livello di civiltà di una Regione si misura anche dalla cura con cui assiste le persone ammalate. Cordialmente Claudio Fiori

Sabato 23 Agosto alle 19:31 da dreck
In La serata americana a Vicenza con il college basket al top di Michigan
Grazie Direttore, come sempre molto gentile.

Quanto all'autore trovo molto irritante e puerile continuare a rispondere tono su tono ad un (assiduo) lettore. Ormai non posso certo sottrarmi e quindi:
-Da giornalista quale immagino sia sa che non può certo basarsi sul "sentito dire" ma è lei che deve verificare le voci.
-Non metto in dubbio che dovesse lavorare ma sono rimasto al palazzetto ben oltre la fine dell'incontro e l'appunto le avrebbe rubato meno di un giro di lancette.
-Ho chiamato le majorettes con quel nome per quello che sono, non per quello che fanno. Raffaella Masciadri non è stata definita "premiante" bensì "giocatrice del Famila Basket Schio".
-La stessa insegnante ha specificato come le sue ragazze facciano anche cheerleading ma in altre occasioni e contesti. L'esibizione di quella sera era frutto solo del lavoro compiuto come majorettes.
-Il pubblico del Palazzetto ha potuto sentire più e più volte il fatto che fossero di Malo poiché, proprio per farle risaltare, l'ho ripetuto ad ogni stacchetto (primo escluso).
-Le polemiche inutili le ha iniziate a creare lei con questo articolo. Ad ogni modo ho chiesto anche alla mia ragazza (che nulla centra in questo contesto) che è del settore se per caso la conoscesse. Alla sua risposta negativa l'ho cercata sui social senza successo. Solo allora ho provato a commentare in un angolino di sito specifico (e non qui) proprio sotto il suo pezzo, luogo che ritengo il più idoneo in assoluto per far presente una sciocchezza.
-Visto che ha scoperto che conosce la mia ragazza poteva benissimo essere lei ad avvicinarmi!
-Non mi sono firmato perché c'è il nickname (usato anche da lei) che mi identifica. Che non abbia nulla da nascondere è palese visto che ho dichiarato di essere io stesso lo speaker.
Devo continuare?
In realtà ho già sotterrato l'ascia di guerra. Spero vivamente che lei venga al palazzetto lunedì sera in modo da parlare serenamente di ciò che è importante veramente di quell'occasione ovvero lo sport!
Giovanni Barcaro
Gli altri siti del nostro network