Quotidiano | Focus da Italia e Mondo |

Marano, torna il "Pozzo dell'arte"

Di Edoardo Pepe Lunedi 24 Dicembre 2012 alle 12:10 | non commentabile

ArticleImage

A Marano Vicentino nuova linfa per il progetto di rivitalizzazione del centro storico. Il Comune e la cooperativa sociale Samarcanda propongono anche per il 2013 l'iniziativa “Il pozzo dell'arte”, che offre a giovani artisti del territorio la possibilità di esporre nelle vetrine e nei negozi non più occupati da attività commerciali.

Il titolo prende spunto dal “Pozzo”, il nome che un tempo veniva dato all'attuale via 4 Novembre, perchè lungo quella strada, come nelle edizioni passate, si concentrerà la maggior parte degli artisti, che troveranno spazio anche in altri luoghi del centro del paese.

“Il pozzo dell'arte” non mira soltanto a fornire una vetrina ai giovani artisti del territorio, ma anche a restituire vitalità ad una zona di Marano che presenta notevoli criticità dal punto di vista urbanistico e commerciale. Numerose sono infatti le case sfitte e abbandonate, così come sono molte le vetrine vuote, segno di una crisi iniziata molti anni fa.

Tra il 22 febbraio e il 24 marzo quelle antiche botteghe ritorneranno a vivere, grazie a dipinti, sculture, musica, foto e tutto ciò che gli artisti decideranno di esporre. Il tema è libero ed è prevista l'autonomia nell'allestimento dello spazio espositivo. Gli artisti hanno tempo fino al 31 gennaio per candidarsi, inviando foto delle opere, una loro descrizione e curriculum a pozzodellartemarano@gmail.com.


Leggi tutti gli articoli su: Marano, Il Pozzo dell'Arte
Commenti degli utenti

Sabato 18 Aprile alle 20:30 da Luciano Parolin (Luciano)
In Rolando: Renzi in Veneto per lanciare il civatiano Casson e Alessandra Moretti
Direi che dopo 50 anni di para comunismo bisogna smetterla caro Rolando. Con questo tipo di interventi fai solo perdere voti al PD in cui, non hai mai Creduto. Uno scritto tortuoso, incomprensibile per avvisare che arriva RENZI in Veneto. Male, per quanto mi riguarda poteva stare da Obama. Alla fine, quello che si capisce da questo NECROLOGIO della Sinistra è che si chiedono soldi ai cittadini per sostenere la campagna elettorale del giudice Casson Sindaco Veneziano. Troppo complicato....non era più semplice chiedere 20 € credendo in qualcosa? L'area Civati? E' contro Renzi. Il centro di Mestre "blindato" perchè? Proprio non capisco "raccolta fondi e controllo rigorosissimo, perchè? Quale trasparenza? Non si sa mai dove vanno a finire i soldi raccolti altro che ricevute...ecc....mai visto un rendiconto regionale, caro Giovanni. Chi parlerà di lavoro e Sicurezza? Renzi? Non ha mai lavorato un giorno nella sua vita. Solo predicato BENE per i gonzi e arrivisti! Chi parlerà di sicurezza? Quale sicurezza? Dei cittadini? Oppure degli anziani abbandonati a se stessi, alla difesa dagli spacciatori che imperversano a Vicenza? La sicurezza alimentare dove ti vendono tutte le porcherie del mondo? La sicurezza dei miei Nipoti dove le scuole crollano sulle teste? Caro Rolando, basta con lo staff....di Casson! Non sono più sicuro di attraversare la strada sulle strisce, this is the problem! Ora...diceva ...De Andrè....è meglio che io vada. Notte! Mala tempora currunt! Basta esaltare i personaggi, perchè non sono niente!
Gli altri siti del nostro network